Streaming ITA HD

The Assassin (2016) Streaming ITA

Anno: Regista: Hou Hsiao-Hsien Durata: 120 minuti Genere: ,
Movie Score
4/5

Trama

The Assassin (2016) Streaming

 

Cina, IX secolo. Nie Yinniang torna dalla sua famiglia dopo anni di esilio. Educata da una suora che l’ha avviata alle arti marziali, è diventata una vera assassina la cui missione è quello di eliminare i tiranni. Il suo padrone gli dà come missione, l’uccisione di suo cugino Tian Jian, dissidente governatore militare della provincia di Weibo. Nie Yinniang dovrà scegliere: sacrificare l’uomo che ama o rompere per sempre con “l’Ordine degli Assassini “.

The Assassin Streaming ITA HD

The Assassin Trailer ITA

Motore di Ricerca Streaming Film

Recensione Film

Qualita Audio/Video: AC3.DVDRip

 

 

A un occhio inesperto, il rischio è che con i wuxia, i film di cappa e spada orientali, possano sembrare tutti uguali, per via di un nucleo di trame ricorrenti, situazioni comuni e via dicendo.
Di certo nessuno – né gli inesperti né tantomeno gli esperti – potrà mai accusare The Assassin di essere un wuxia come tanti altri: nelle mani di Hou Hsiao-Hsien, infatti, un genere che ha vissuto numerosi decenni di cambiamenti, strappi, evoluzioni, cambia di livello e si tramuta in qualcosa che non è mai visto prima.
Pur rispettanto tutti i canoni narrativi del genere, pur abbracciando senza esitazioni una storia tradizionale che è fin troppo ricca di situazioni e personaggi per essere compresa nella sua completezza nel corso di un singola visione, Houinfonde uno spirito modernissimo ad archetipi immortali, e gira un film ipnotico e astratto nel quale le scene d’azione e combattimento sono solo punteggiatura e dove le sospensioni e le deviazioni sono le regole di base della sua grammatica.

Dopo un prologo in bianco e nero, nel quale incontriamo una radiosa Shu Qi nei panni di una giovane donna che ha terminato il suo addestramento come letale assassina, ma è accusata dalla sua maestra di avere ancora troppi scrupoli, la seguiamo in un mondo fatto di colori saturi e immagini nitide, ricche di grana, e affascinanti: il mondo della provincia di Weibo, sull’orlo del conflitto con l’Impero, governata dal cugino e ex promesso sposo dell’Assassina che, messa alla prova,  dovrà eliminare. I suoi tentativi verranno messi alla prova dai suoi sentimenti e dalla compassione, e a complicare le cose ci sarà anche la gelosia della principessa, moglie del governatore, e la concubina di quest’ultimo.

Già le modalità narrative con le quali Hou tratta i sentimenti che animano i protagonisti (soprattutto il senso di compassione dell’assassina di Shu Qi) sarebbero bastati a fare di The Assassin un film innovativo nell’ambito del wuxia, ma è la forma che lo rende un’operazione radicale e rivoluzionaria, uno di quegli strappi evolutivi che fanno la storia del cinema.
Hou gira The Assassins come fosse Flowers of Shanghai, racconta ambienti naturali e artificiali come fossero personaggi in carne ed ossa, gioca con le sospensioni verbali e dell’azione, fa raramente esplodere subitanei combattimenti che terminano, inevitabilmente, dopo pochi secondi per il farsi da parte quasi inspiegabile di uno dei sue contendenti.
Inquadrati sempre in campo lungo o medio, mai in primo piano, personaggi e scenografie vengono cullati lentamente dai placidi movimenti ondulatori di Hou, che non sceglie mai il ribaltamento di campo, il controcampo, rimando sempre osservatore frontale, curioso, ondivago.

Ha parlato del suo film, dei film in generale, come di torrenti, il regista di Taiwan, e degli spettatori come persone sulle rive di quel torrente, cui viene richiesto di osservarne il ritmo e la corrente, le rapide e le zone placide, anche di bagnarsi in quell’acqua.
E The Assassin vive e ci nutre di questa liquidità, di questa energia placida e profondamente legata alla natura (quella di un’affascinante Cina settentrionale, al confine con la Mongolia), di un ritmo avvolgente che cattura con morbidezza e determinazione allo stesso tempo.
Del volto di Shu Qi rimangono impresse non solo la bellezza ma anche la sofferenza e la compassione, mentre il coloratissimo mondo che la circonda, vorticante di stoffe e personaggi, stagnante di immagini bellissime e significati sussurrati, rumoroso di fronde, uccelli, e qualche sporadico colpo di spada, cambia per sempre la nostra idea di un genere che non sarà più lo stesso ma non sarà nemmeno mai più così.
Perché The Assassin appare davvero un film irripetibile, anche nel tentativo di seguirne le orme.

 

+ Info

Comments are closed.